Archive for the 'spleen serali' Category

19
Feb
09

“Ma…
creando qualcosa, solo
a loro importa
sapere
che in fondo
la verità
non esiste
solo
l’onestà esiste
l’onesta
è
sempre di pessimo gusto
visto che dopo tutto
l’onestà
finchè è umana
altro non è
che un insieme di leggi
di vedute apprese
Ma
Diventa
Vita
La vita stessa
La potenza questa strana forza della vita
Che appartiene né a voi né a me né a nessuno
La vita è la vita…

(…)

tento
quest’esperienza
perché vorrei non dover scrivere
scrivendo
è strano
si può pensare meglio si può
sognare meglio
e tracciare sulla carte iscrivere
scrivere
ma
parlando ci si sente
si articola
si pronuncia
è molto strano
ancora non capisco bene cosa stia succedendo
quando si scrive ovviamente
si può riflettere meglio
concentrarsi
per ritrovare
quanto è successo
davvero
durante l’atto
di pensare
pensare forse non è
la parola giusta
quando si pensa
spesso non si è ispirati
l’ispirazione
è pensiero più qualcos’altro
più l’apparizione dello spirito
questo spirito strano
non si può dire
insomma che non esista questo spirito
anche se si è materialisti
esiste
è un momento favorevole
forse un momento organico favorevole
all’improvviso tutto va per il meglio (o per il peggio..)

(…)

è sempre la stessa cosa
che io creo
e che è la parte più valida in quello che creo
e che non creo
visto che è questo che mi interessa
quello che sto facendo in questo momento
questa autoanalisi
analisi del mio modo di pensare
questo svelarmi
è indecente
lo so
non si dovrebbe
è romantico
è
psicologico
non amo la psicologia
ma perché lo faccio
perché secondo me
al di là
di questa fantasticheria
affettiva
ad occhi aperti
iperlucida
con questa visitazione dello spirito
ecc. ecc.
questa fantasticheria
che insomma appare ad un essere umano
è umana
comincia con l’essere umano
è universale ma è umana
ebbene se rivelo me stesso
nell’architettura dell’aria
perché non ci sarà più alcuna intimità
si saprà tutto ciò che la gente pensa
tutto ciò che la gente fa
forse
verrà allora un’intimità diversa
da molto molto lontano
qualcosa
che oggi non riusciamo neppure
ad immaginare
e che esiste
e la cosa strana è pensare che oltre a questo
esiste qualcos’altro ancora più grande di più ampio
e così via
e allora non so più
se bisogna limitarsi ad approfittare banalmente
dei momenti semplici e banali della vita
limitarsi ad essere un essere umano normale
senza sforzo senza
essere semplicemente se stessi così come si è
oppure se bisogna essere intelligenti
se bisogna
pensare
se bisogna
essere onesti cioè spingersi sempre oltre
provare a spingersi sempre più in là… ”

(…)

Grazie a Y.K. per questo “Dialogo con me stesso”

Annunci
22
Ott
08

Il mondo concorre


“Stati d’animo:gli Addii” 1911 Boccioni
Stamattina mi sono svegliata e tutto ovviamente parlava di morte… ovviamente mi aspettavo di trovare il medesimo scenario anche nella mia quitidiana pagina dalle città invisibili di calvino, ma lui….come solo l’arte sa fare, mi ha stupito… in fondo che stupida, parlo di calvino ^_^
cmq quello che ho letto era circa su una città particolare:


“Gli Stati d’Animo: Quelli che Vanno”1911 Boccioni
Il GranKan ha sognato una città: la descrive a MarcoPolo:
-il porto è esposto a settenrione,in omre.Le banchine sono alte sull’acqua nerache sbatte contro le murate; vi scendono scale di pietra scivolose d’alghe. Barche spalmate di catrame aspettano all’ormeggio i partenti e le loro famiglie. I commiati si svolgono in silenzio ma con lacrime. Fa freddo; tutti portano scialli sulla testa. Un richiamo del barcaiolo tronca lgi indugi; il viaggiatore si rannicchia a prua, s’allontana guardando verso il capannello dei rimasti; da riva già non si distinguono i lineamenti; c’è foschia; la barca accosta un bastimento all’ancora; sulla scaletta sale una figura rimpicciolita; sparisce; si sente alzare la catena arruginita che raschia contro la cubia. I rimansti s’affacciano agli spalti sopra la scogliera del molo, per seguire con gli occhi la nave fino a che doppia il capo; agitano un’ultima volta un cencio bianco.
-Mettiti in viaggio,esplora tutte le coste e cerca questa città,- dice il GranKan a Marco.  -Poi torna a dirmi se il mio sogno risponde al vero.
-Perdonami, signore: non c’è dubbio che presto o tardi mi imbarcherò a quel molo,- dice Marco- ma no ntornerò a riferirtelo. La città esiste e ha un semplice segreto: conosce solo partenze e non ritorni. “

(da “Le città invisibili”)

Per quanto mi sia arrovellata per cercare di comprendere di come mi sembra che tutto sia legato a quello chi mi succede, se , all’inizio pensavo che le cose intorno assecondano un pò il nostro stato (o meglio, del magma che ci circonda, ci facciamo colpire+ dalle cose che ci colpiscono,anche secondo il nostro stato in quel momento), poi ho pensato a come in realtà il mondo concorra a quello che ci succede. Poichè incapace di vere felicità o veri dolori, cerca in tutti i modi di autocoinvolgersi negli affari di noi che, con la nostra attività in solitario cerchiamo conforto/spiegazione a quello che ci succede… a dire il vero la tesi del mondo che concorre oggi pomeriggio, quando è saltata fuori da magma dei pensieri, era complessa e con vari punti forti…ma con il troppo arrovellare di stase, l’ho persa x strada….
che poi mi era venuta in mente un’idea per un quadro per un’immagine che ben rappresentasse quello che stava avvendendo in univ in questo periodo, o meglio di quello che si vorrebbe diventi l’università..ma cm ho formulato il quadro in tutti i suoi putni, mi sn autocensurata perchè mi sembrava troppo retorico, banale, ovvio. e….sempre x il principio di concorrenza del mondo ai nostri affari, quel maledetto oroscopo di internazionale, cm una mannaia, dice:

Cancro (21 giugno – 22 luglio)

A volte è un bene che tu sia conservatore, prudente e scettico nei confronti delle novità. Ogni tanto un’immersione nella vita al rallentatore ti aiuta a mantenere un solido centro di gravità e ti permette di rimanere te stesso nonostante le pressioni che ti spingono a essere come tutti gli altri. Le ultime settimane sono state così, Cancerino. Molto presto, però, sentirai il bisogno di correre qualche rischio, di lanciare nuove mode e di esprimerti in modo più coraggioso e creativo. Sei pronto?

Ma che cavolo!!! bastaaaa non ne posso più co ste coincidenze/concorrenze a deliquere! ;_; oltretutto stasera c’è stata una telefonata, che ha un pò scrollato le piccole certezze che faticosamente avevo raggiunto, e soprattutto, a rimesso in campo, questioni aperte e dolorose che, per spirito di sopravvivenza, avevo un pò driblato per concentrarmi sulle disgrazie più imminenti…ma cmq tutto vano…non voglio sprecare parole in più, perchè non so cm spiegare quello che ho sentito, la persona che ha parlato e nemmeno quello che ho detto io… non ho idea di cos’è accaduto…fatto sta che…giusto perchè non ero abbastanza tranquilla, mi è tornato sott’occhio il medesimo libro… con un paginetta tutta x me… allò te le vai a cercà??? eggià…forse è questo in fondo! altro che mondo… il nostro ego smoderato si riflette in tutto quello che “ingenuamente” guardiamo… mentre invece non veniamo attratti che dai noi stessi…
a titolo informativo…la paginetta è “La città e i segni 5: Olivia”



“Gli Stati d’Animo:Quelli che Restano” 1911 Boccioni

 

*αcrux_fra_quelli_che_restano….a_guardare*

20
Ott
08

palline di vetro

sono giorni che vorrei scrivere il flusso di  pensieri ( per lo più brutti) che mi passano per la testa…magari provarli a scaricare che la capa non li regge più…
giovedì quando sono tornata,con mio padre siamo passati a casa…e già vedere pieno di macchine di zii e parenti mi ha riportato all amente un preciso, particolare,specifico ricordo di 9 e più anni fa, che non era mai tornato a galla… e sono cose tremende… per la seconda volta, entrare in quella casa è stato brutto (dico seconda perchè la prima volta che mi è capitato, percepivo qualcosa di ambiguo, una presenza nuova e misteriosa nella propria casa, ma non comprendevo cosa fosse, ero solo terrorizzata)…un atmosfera tersa che non suggeriva niente di buono…e che purtroppo…questa volta, con molta consapevolezza in più.
Lo scenario è stato abbastanza clemente… lei sorrideva, felice che fossi tornata… ma il suo spirito e i suoi occhi hanno la consapevolezza di chi sa che sta morendo.. di chi ha paura del buio, di chi sa di starti a guardare per l’ultima volta. La mia vita è sempre stata piena di morte; colpa nel pensiero da questa oscura presenza, che non mi abbandona mai, ma negli ultimi giorni, questa compagnia si è fatta più intima, più segreta e ormai credo di aver un rapporto così nudo con essa, da possedermi. Però…
Un grandissimo architetto (di quelli che io adoro) A.Loose diceva che è lo spirito a crearsi un proprio corpo e in esso decide di vivere. E ora… il suo spirito che si è rassegnato al dolore ha mutato anche il suo corpo, irriconoscibile. I suoi occhi mostrano uno spirito terrorizzato, angosciato che ti schiva e ti allontana per non soffrire ulteriormente. Sembri delusa dalla vita. E’ questo il dolore più grande. Cosa si prova a sapere che stai morendo? Sono combattuta da quello che vorrei fare e che non riesco a fare e (benchè vivessi nella frustrazione da tempo) questa mia inettitudine mi ha allontanato in questi ultimi momenti da te.

Vivo soffocata dal mondo degli altri e non appena cerco di recuparare la mia dimensione, questa si mostra con il volto più terribile e insofferente.
Lo so che hai paura della notte, ma cerca di riposare…

*αcrux_e_il_profumo_del_suo_armadio*

05
Ott
08

giorno25

giornat davvero tragica… in preda alla frustrazione di mia sorella…. sono sempre dell’idea che dovrei tornare il meno possibile a casa,ma poi mi sento in colpa perchè scappo dai miei problemi famigliari… sono tornata due  giorni dedicarle tutto il tempo, a sua completa disposizione e le è stata solo capace di prendere a parole me e il povero carm. perchè non la capiamo…. perchè tutti la lasciano sola… perchè non vuole far pena a nessuno… io capisco stia male ma non so più davvero cosa fare. che poi ogni volta che torno a casa mi rendo sempre più conto che la situazione è agli sgoccioli…. basta il primo che decide di ammazzarsi che poi a catena partiamo tutti quanti secondo me…un’intera famigia di depressi… come ci siamo ridotti… cmq è davvero brutto…vedere le persone a te più care, cadere una dopo l’altra, persone che ti hanno cresciuto e formato… non riesco a capire se c’è limite alla disperazione davvero.
fortuna che un pò di distrazioni le ho avute da dada e alberto, che fra una stupidaggine e l’altra almeno mi hanno tenuto un pò la testa leggera.
e poi…e poi ci sei te… dico che voglio migliorare ma non riesco…schifo come questo periodo mai… fra un pò la mia pelle comincerà a non rigenerarsi più e le macchie saranno talmente profonde che non basterà più non toccarsi per mandarle via…questi si che sono tatuaggi…
qual’è la strada per toranre a te come una bella persona e non come una larva???
ho buttato via anche l’ultima speranza di un esame per questo semestre…da domani lezioni a tempo pieno. spero che almeno, non avendo più esami, il mio cervello ritrovi un pò di equilibrio per capire come stnno messe le cose, per riuscire a fare delle scelte… non dico progetti… almeno scelte…
per i giorni trascorsi, voto:0! rasentiamo lo schifo assoluto…sputati in un occhio acrux di merda! sei feccia e feccia continui a rimanere…brava brava te continua a vedere tutti intorno a te che vanno avanti, voglio vedere quando riuscirai ad alzarti anche tu!!! -ma a me fanno schifo sti stronzi!- e tu fai schifo al mondo!

ti hanno cambiato la foto…dicono che quella di adesso è molto più bella… “ora è tutta un’altra cosa, qui si che sembra la nostra L.” … bha…a me non sembra sia cambiato niente…

 

*a_crux*

22
Set
08

giorno 10

non vi faccio il resoconto degli altri giorni perchè sono stati uno uguale all’altro… non ci sono stati miglioramenti, anzi si continua a strusciare per terra…voto costante:0! per tutti questi giorni in cui sono stata capace solo a farmi del male…ma cosa aspetto per imparare? per “smuovermi”?(giusto perchè a me e a holga sto “smuoverci” ci crea problemi)

non riesco a capire se per trovare la via giusta devo prima toccare il fondo,girare a vuoto nella disperazione, affogare nel mio vomito e solo allora gridare il tuo nome… oppure riuscire a migliorarmi..a piacermi, a rendere più bello quello che mi circonda, iniziare a vedere in modo positivo le cose, darmi da fare x un mio futuro…fino a capire il vuoto e l’inutilità di tutto ciò e chiederti di rendere ancora un senso alla mia vita…

per il sentiero della disperazione o per la strada delle vuote soddisfazioni??? quale mi riporterà da te??

 

*αcrux_al_bivio*

14
Set
08

giorno2

giorno…due..per altro…siamo stati mai cosi tanto tempo senza sentire le nostre voci?????
sorda alla felicità…a quella vasta coperta di calore che mi avvolgava…e ora?? freddo solo quello.

FREDDO000000ooo……….

già..così è iniziata la mattinata…in piena pioggia autunnale…da quando abbiamo deciso che l’estate era finita, è così che è stato…e il tempo a quanto pare ci ha assecondato…da due giorni piove.
io la cla siamo scese di buon ora a fare colazione al forno sotto casa, e sfidando la pioggia,ci siamo immerse per qualche metro… la mia magliettina blu preferita..la pioggia…e sorridere… avevo deciso che la giornata dovesse cominciare bene…   -mi sono amata oggi???- bha…forse più di ieri… ma senza risulati eccezionali…quindi il voto rimane : 3! acrux di merda! …anche perchè nel pomeriggio e sera hai cazzeggiato un pò troppo…quando capirai che il pc non è compatibile con i tuoi esami???? (giusto x citare la cara amica antonella!)
il vuoto anche oggi pare non colmarsi ma…almeno mi illudo…già ci sono stati i primi risultati…

le emozioni si stanno ridimensionando… infatti ieri sera il tuo messaggio della buonanotte ha avuto la dimensione che merita… un’esplosione di gioia in piena regola…con tanto di lacrime…
fantastico no??…purtroppo non mi posso accontentare di questo primitivo risultato (benchè felicissimo)

fatto sta che ieri sera, non riuscivo a darmi pace e volevo sentirti… cercavo di resistere perchè non voglio tormentarti con i miei piagnistei (xkè solo di quelli sono capace)…e ho resistito… quando… toc toc… al vetro del mio cellulare…il tuo messaggio… cavoli… un’onda di felicità che si è protesa per tutta la giornata di oggi…e spiega xkè sorridevo… brava acrux… la telepatia non ci mancherà mai!
ed ecco che i tuoi messaggi si ridimensionano e tornano a farmi sentire sulla vetta del mondo… così come era stato..e così come voglio che sia…sempre…
spero la tua giornata sia stata meno dolorosa….spero i tuoi bellissimi occhi abbiano guardato oltre la pioggia… le nostre strade si rincontreranno…lo so…
*α_crux_piovosa*

01
Set
08

Giornata epocale…di quelle in cui troppe fasi si aprono e chiudono contemporanemente….dopo un lungo trasloco finalmente si è riusciti a cambiare casa e sbarazzarsi (spero x sempre) delle persone che hanno attivamente contribuito al degrado del mio stomaco, all’insonnia e depressione. Di ricordi buoni in quella casa ce ne sono davvero pochi e gli unici sono legate alle persone che mi sono portata a casa nuova.

Ieri abbiamo festeggiato il primo settembre,per poi scoprire che era ancora agosto..ecco perchè  il resto della giornata è stato di merda (tranne che per mia sorella),cmq stamattina abbiamo festeggiato settembre e la recessione del contratto. Casa nuova sembra davvero molto bella…ma x il momento sembra e basta… non riesco a essere ottimista. In questi giorni piccole delusioni mi fanno procedere a passi lenti verso la felicità di una nuova alcova romana.

 Nota straemozionante, un tizio del palazzo di fronte che suona il clarinetto e che ieri ha addolcito con la sua musica il mio risveglio ^_^

oggi giornata passata fra maglie e jeans x aiutare mia sorella nel suo lavoro.

si aspettano cmq giornate migliori… resta da vedere domani come andrà ad udine… sono spaventata e in ansia, perchè non c’è niente che mi terrorizza di più dei freddi corridoii di ospedale… dal gusto di lunghe attese con tristi responsi…

chiudo gli occhi…




*alpha_crux*

Egli imparò a volare, e non si rammaricava per il prezzo che aveva dovuto pagare. Scoprì che erano la noia e la paura e la rabbia a rendere così breve la vita di un gabbiano.
novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930