05
Ott
08

giorno25

giornat davvero tragica… in preda alla frustrazione di mia sorella…. sono sempre dell’idea che dovrei tornare il meno possibile a casa,ma poi mi sento in colpa perchè scappo dai miei problemi famigliari… sono tornata due  giorni dedicarle tutto il tempo, a sua completa disposizione e le è stata solo capace di prendere a parole me e il povero carm. perchè non la capiamo…. perchè tutti la lasciano sola… perchè non vuole far pena a nessuno… io capisco stia male ma non so più davvero cosa fare. che poi ogni volta che torno a casa mi rendo sempre più conto che la situazione è agli sgoccioli…. basta il primo che decide di ammazzarsi che poi a catena partiamo tutti quanti secondo me…un’intera famigia di depressi… come ci siamo ridotti… cmq è davvero brutto…vedere le persone a te più care, cadere una dopo l’altra, persone che ti hanno cresciuto e formato… non riesco a capire se c’è limite alla disperazione davvero.
fortuna che un pò di distrazioni le ho avute da dada e alberto, che fra una stupidaggine e l’altra almeno mi hanno tenuto un pò la testa leggera.
e poi…e poi ci sei te… dico che voglio migliorare ma non riesco…schifo come questo periodo mai… fra un pò la mia pelle comincerà a non rigenerarsi più e le macchie saranno talmente profonde che non basterà più non toccarsi per mandarle via…questi si che sono tatuaggi…
qual’è la strada per toranre a te come una bella persona e non come una larva???
ho buttato via anche l’ultima speranza di un esame per questo semestre…da domani lezioni a tempo pieno. spero che almeno, non avendo più esami, il mio cervello ritrovi un pò di equilibrio per capire come stnno messe le cose, per riuscire a fare delle scelte… non dico progetti… almeno scelte…
per i giorni trascorsi, voto:0! rasentiamo lo schifo assoluto…sputati in un occhio acrux di merda! sei feccia e feccia continui a rimanere…brava brava te continua a vedere tutti intorno a te che vanno avanti, voglio vedere quando riuscirai ad alzarti anche tu!!! -ma a me fanno schifo sti stronzi!- e tu fai schifo al mondo!

ti hanno cambiato la foto…dicono che quella di adesso è molto più bella… “ora è tutta un’altra cosa, qui si che sembra la nostra L.” … bha…a me non sembra sia cambiato niente…

 

*a_crux*

Annunci

3 Responses to “giorno25”


  1. 1 holga
    ottobre 7, 2008 alle 1:42 pm

    giusto x renderti partecipe di come alanis continua a farci da portavoce e ad essere anke abbastanza sintonizzata con la nostra attività di osservatrici di mosche=D…. lei dice:

    day one day one starts over again
    step one step one
    with no much making sense for now
    I’m faking it ‘til I’m pseudo making it
    from scratch begin again but this time I as I
    and not as we

    (mi sembrava simile al tuo contare i giorni… tieni duro.)

  2. 2 acrux86
    ottobre 9, 2008 alle 3:45 pm

    ma io dico…sta holga che nun si fa li affari sua!!! va a finì che mi ti ritrovo cm compagna di stanza!!! ‘tacci sua!
    cmq la informo cara signorina holga che è nota l’indifferenza della sottoscrtta a linguaggi non strettamente peninsulari… 😛 stì giovani d’oggi!!!

  3. 3 holga
    ottobre 9, 2008 alle 7:17 pm

    giorno uno giorno uno ricomincia di nuovo
    primo passo primo passo
    senza avere molto senso xkè ora
    io lo sto fingendo finchè nn lo pseudo-farò
    dalla cicatrice comincia di nuovo ma stavolta “me” come “me stessa”
    e nn come “noi”

    lo vuoi in abbbruzzese schtretto??? aaah poveri noi!
    …….ci piglia alanis eh?? 😉


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


*alpha_crux*

Egli imparò a volare, e non si rammaricava per il prezzo che aveva dovuto pagare. Scoprì che erano la noia e la paura e la rabbia a rendere così breve la vita di un gabbiano.
ottobre: 2008
L M M G V S D
« Set   Nov »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: